Irene Mascia 

6a3f8eb8-712e-404b-a90b-1ee79f362a53.jpg

Irene Mascia, classe 2002, studentessa di Lettere Classiche alla Federico II di Napoli.

Scrive poesie dall’età di sette anni, raccolte in un quaderno ad anelli rosa; da allora, non ha mai smesso di appassionarsi a questo modo così affascinante di farsi domande che non necessitano di risposte. Partecipa al primo concorso di poesie di nascosto a 14 anni; vince il primo premio della sua vita. In quell’anno le vengono diagnosticati un disturbo d’ansia generalizzato e uno da depressione maggiore; racconta la sua esperienza attraverso poesie su fogli sparsi, sui quaderni di fisica e sul blocchetto della terapia.

Sempre nel 2016, iscritta al liceo scientifico, partecipa a un corso di studi umanistici e acquista, durante l’estate, la Medea di Euripide; si innamora e inizia a studiare il greco da autodidatta, per poi passare al liceo classico tra biennio e triennio. Nel 2021 l’esperienza della depressione diventa un libro: “Il Silenzio – Storia d’Amore tra Me e Me Stessa”, edito Aletti Editore e vincitore nella sezione “Nuove Voci” del Premio Intercontinentale “Le Nove Muse”. Devolve parte del ricavato alla no-profit di prevenzione suicidio Telefono Amico Italia. Sempre in quell’anno scopre l’associazione Poesie Metropolitane, nella quale entra a far parte attivamente; il suo modo di vedere la poesia cambia radicalmente, in una prospettiva sociale e di volontariato, al di fuori di ogni autoreferenzialità. Fonda così il blog Momenti DiVersi, dedicato agli autori emergenti in un connubio tra poesia, letteratura e attivismo per il sociale; nel dicembre del 2021 ne pubblica un’edizione cartacea. Nel 2022 ottiene una certificazione in Ancient Masterpiece of World Literature in modalità e-learning attraverso l’università di Harvard.

Attualmente, dedica tutta se stessa contemporaneamente allo studio del mondo classico e al progetto editoriale per il sociale con Poesie Metropolitane. Lavora alle seconda uscite cartacee di Momenti DiVersi e al suo futuro nel quale, a dispetto di ciò che le dice la società, crede fermamente. È sicura che poesia e cultura un giorno cambieranno il mondo.

 

..odero, si potero, si non, invitus amabo...

-Ovidio

Maria Romanelli è nata ad Arezzo il 24 ottobre 2001. Con il sogno di diventare interprete e scrittrice, ha frequentato un liceo linguistico. Tuttavia, l’ambiente ostile in cui si è ritrovata a trascorrere gli anni della propria adolescenza le ha fatto perdere la serenità e la fiducia in se stessa, destabilizzandola fisicamente e psicologicamente.

In seguito alla diagnosi di celiachia, Maria si è avvicinata al mondo dell’alimentazione, e per questo motivo ha deciso di intraprendere gli studi a Siena, frequentando la facoltà di Dietistica.

Sebbene i suoi studi siano proiettati verso l’ambito sanitario, Maria è impegnata nella promozione della libertà di pensiero ed espressione, e lotta contro ogni tipo di ingiustizia attraverso l’arte.

All’età di 13 anni ha pubblicato il suo primo romanzo intitolato “Gemelli Diversi: L’adolescenza vissuta da due differenti punti di vista”, tutt’oggi scrive racconti e poesie. Tra queste, la poesia “Condannati ad Essere Se Stessi” può essere letta proprio sulla versione digitale del blog Momenti DiVersi. Ad oggi, cura sul blog la rubrica "Tempesa del Pensiero".

Maria Romanelli

Immagine1.png