PoeticaMente: ‘A Cinese di Francesco Scaramuzzino

PoeticaMENTE è la poesia voce della verità. È uno spazio dedicato ai poeti e alle poetesse di Poesie Metropolitane e ai loro versi di denuncia, sempre in prima linea contro ogni ingiustizia.


 

Per questa settimana, Francesco Scaramuzzino e una poesia in napoletano tema violenza sulle donne.


Perché scrivo poesie?

”Esternare i sentimenti fa si che si torni leggeri, scaricando un'emozione interiore spesso troppo pesante, che sia di gioia o di dolore, vederlo prestarsi alle sensazioni altrui fa si che, una volta scritto l'ultimo verso, la poesia non sia solo tua, ma diventi di tutti.

Una dedica speciale a mio padre, sempre nel mio cuore.”


(di Francesco Scaramuzzino)



Nato a Napoli, di professione geometra, amante dei viaggi, soprattutto innamorato della città dove sono nato. Da questo amore é nata la passione di scrivere in vernacolo, grazie anche ad artisti come Totò, De Filippo, Pino Daniele, Troisi, De Crescenzo e Gragnaniello, poeti del nostro secolo, non solo cantanti o attori. Ha pubblicato con Book Sprint Edizioni la raccolta di poesie “Il Viaggio di uno Scugnizzo”.
 

A Cinese


Ma che bbella femmena

Teneva chille uocchie a mmandorla

'A chiammavano 'a Cinese

A ogni passo arrevutava nu paese

Prufumava 'e primmavera

Ogni stagiona pe ttutto ll'anno

È asciuta pazza pe nu fetente

Ca lle sfriggiaje 'a bbellezza

na violenza senza ammore

Ciénto vase senza manco na carezza

Nun prufumava cchiù 'e primmavera

Accumminciaje na vita grigia senza culore

Senza cchiu surrise ma sulo tristezza

Ormai ce ll'avevano arrubbato 'a bbellezza

'a Cinese nun arrevutava cchiu 'o paese

Pe ccolpa 'e n'ommo 'e niente

Pe ccolpa d' ‘a 'nfamità 'e nu fetente...


F. Scaramuzzino

81 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti