PoeticaMente: Amore Malato di Margherita Bonfilo

PoeticaMente è la poesia voce della verità. È uno spazio dedicato ai poeti e alle poetesse di Poesie Metropolitane e ai loro versi di denuncia, sempre in prima linea contro ogni ingiustizia.

 

Questa settimana Margherita Bonfilo e una poesia sul tema dell‘amore violento.

Biografia

Margherita Bonfilio è nata a Penne in provincia di Pescara, laureata in Scienze dell’Informazione all’università Statale di Milano; docente di Informatica alle Scuole superiori dal 1990. Appassionata di teatro, letteratura, poesia, giornalismo, danze ottocentesche e canto popolare. Responsabile editoriale del giornale on-line "Largo ai Giovani" dal 2006 al 2014, scrive articoli, poesie e racconti. Partecipa a diversi concorsi di poesia ricevendo premi e consensi. Presente con una sua silloge poetica nel volume dell’Enciclopedia degli Autori Contemporanei e in diverse Antologie.

Dal 2010 scrive diversi libri pubblicati sul sitowww.ilmiolibro.itPacati in versi” (2010), “Inviati Speciali” (2010), “Inviati Speciali 2” (2011), “Gocce di rugiada” (2011), “Il Gusto dell’Arte” (2011), “Arte e poesia” (2012 1°edizione, 2014 2° edizione).

Nel novembre 2014 con Aletti Editore pubblica il volume “Coretano” collana Parole in Fuga-Poeti del Nuovo Millennio a confronto. Vincitrice del Premio Autore 2016 presentato al Salone del libro di Torino con la poesia “Germogli”; finalista al Premio Autore 2017 con la poesia “Clochard”; menzione d’onore al Concorso Quasimodo-Cumani 2017. Nel 2018 riceve la Menzione d’onore con il testo “Amore malato” al Premio Ponte Vecchio. Nel 2019 riceve il titolo di “Ambasciatrice di pace per la poesia nel mondo”, vince il premio Autore 2019 con il testo “Rami secchi”, pubblica la raccolta “Grido solitario” con Vitale Editore. Vincitrice del Concorso “Scrivendo 2019”, pubblica l’Ebook “Spighe di grano”- Kubera Edizioni.

Partecipa a numerosi Reading poetici ed in particolare alla maggior parte degli eventi sotto l’egida di “Verseggiando sotto gli astri di Milano” a cura di Izabella Kostka. Collabora in modo attivo con la casa Editrice Aletti partecipando a numerose iniziative dal 2010. Nel 2020 pubblica la raccolta “Granelli di sabbia”- Vitale Edizioni e l'Ebook “Sensazioni”- Kubera Edizioni..Nel 2020 pubblica nell’Antologia “Io resto a casa e scrivo” di Kimerik Editore il racconto “I giorni di Clementina”. Dal dicembre 2019 collabora come redattore al giornale on line Ilpuntoquotidiano.it.


 

Amore malato

Liquido putrefatto,

sangue sporco,

lacrime agrodolci,

viso tumefatto,

dignità calpestata.

Docile ti abbandoni

ad un amore malato,

bevi al calice amaro della vita,

prosciugando il mare

di promesse mai mantenute.

Chiudi gli occhi

e vedi un volto che non c’è,

senti una carezza lieve

sulle gote segnate dalle percosse

annaspando nel buio

dei tuoi pensieri contorti.

Cadi, ti rialzi, barcolli, singhiozzi

finché senti il ventre lacerato,

dilaniato, violentato, profanato.

Raggomitolata e sfinita

ti nascondi agli occhi del mondo.

Come un lampo che squarcia il cielo

per un attimo fai sentire la tua voce-

Grido solitario

che lacera l’aria di prima mattina,

fresca e pungente.

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti