POESIE EMERGENTI: Saltati gli Schemi di Paolo Palladino


Saltati gli Schemi

Sono magari un poco cresciuto

sono perfino un po’ maturato

so certamente che ho imparato

quando serve a restarmene muto


non importa la ruga d’espressione

l’adolescenza lesta mi assale

quando ritorno a questo canale

a me noto da fare impressione


che pur essendo una feritoia

che per l’acqua servirebbe da scolo

diventava preziosa scorciatoia


prima per noi e ora per me solo


Saltati gli schemi spacciati per veri,

spaccati gli specchi, spezzati gli schermi,

suonano male i sonetti

se non si bacia come prima neanche la rima

Verrà un giorno in cui non ci crederò

e cercherò prova di quanto provato

ma per ora ancora restare separati

è come essere mai nati,

una domenica in fabbrica,

bere una tanica di soda caustica,

Cuba senza Castro,

una caduta senza casco,

quasi un olocausto

pensando alla banalità del ma

se stavamo bene insieme

ma non sai se ti conviene

ma non sai se ti fa male

ma non sai se poi è normale

ma non sai se si confà


Ma non è questo ‘l giorno, e ‘l mese, e l’anno

ergo solo e pensoso vado tornando

a questo trauma nella trama del muro

dove quando piove

le scure, fiacche e amare acque passano

non riuscendo a trascinare

nel loro tutto scorrere

gli orridi detriti derelitti

di rimembranze a macchia di leopardo.


Paolo Palladino

Disegno di Koshi.

 

Due parole dell’autore

"Saltati gli schemi" è una poesia che nasce dal disagio di ritornare in luoghi già percorsi, che siano essi fisici - come può esserlo una feritoia in un muro - o artistici, come le struttura del sonetto. Questo, omaggio petrarchesco come d'altronde lo sono le due poesie citate - una direttamente e una rovesciata - in coda, viene spezzato nel momento in cui ci si ritrova a fare i conti con una realtà sconfortante, come può esserlo, ad esempio, Cuba senza Castro.

La poesia è la trentaseiesima della raccolta "L'amore è uno stato d'alcol", edito da Edizioni Efesto nel 2021.




Paolo Palladino, nato a Roma, classe 1997, laureato in Scienze Politiche presso l'Università degli Studi Roma Tre. Cofondatore e caporedattore del blog "La disillusione”.

 

La poesia del XXI secolo è una poesia che supera l’avanguardia, pur condividendone gli aspetti; è un’arte che vorrebbe tornare alla bellezza del sonetto, lamentandone però l’angustia. Paolo Palladino ha descritto, attraverso delle rime baciate che non baciano e un sonetto rivoluzionario, l’intera condizione del poeta contemporaneo, bloccato tra la maestosità del passato e l’ardente desiderio di scoprire il progresso, di scrivere una nuova pagina della storia; e mentre sta immobile tra questi due fiumi, descrive il mare in cui sfociano entrambi.

Ritorna a districare abilmente i pensieri della sua intera generazione, amplia la sua condizione per diventare portavoce dell’umanità, non esita, racconta, piega le parole al suo cospetto, si accosta alle chiare, fresche e dolci acque di Petrarca e le rende il suo mondo. E se sul finale la struttura rigida si incrina e l’illusione sembra spezzarsi, non lascia l’amaro in bocca; non è una crepa nella sua arte, ma la spaccatura che la rende visibile. Mentre la realtà si mostra nel suo sconforto (come può la certezza di un lavoro sconfinare in una domenica in fabbrica), la poesia, in qualsiasi suo aspetto, non smette mai di descriverla e di renderla meravigliosa. Così il poeta vince sempre... Qualsiasi realtà egli sia costretto a distruggere.

Irene Mascia



Disegno di Koshi.

 

Segui Paolo Palladino su Instagram: https://instagram.com/paolopalladino_?igshid=imc0cvsve3vj


Link per il blog “La Disillusione”: https://ladisillusione.com/


Segui “La Disillusione“ su Instagram: https://instagram.com/ladisillusione?igshid=fddm7vab9nea


Ordina “L’Amore è uno Stato d’Alcol”: https://www.lafeltrinelli.it/smartphone/libri/l-amore-e-uno-stato/9788833812496?productId=9788833812496




60 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti