PoeticaMente: “Na Sera Comm’ A ll’Ate” di Domenico Giordano

PoeticaMENTE è la poesia voce della verità. È uno spazio dedicato ai poeti e alle poetesse di Poesie Metropolitane e ai loro versi di denuncia, sempre in prima linea contro ogni ingiustizia.

 

Questa settimana Domenico Giordano e una delicata poesia in vernacolo napoletano sul tema del femminicidio.


Domenico Giordano nasce a Napoli il 9 maggio del 1981 da una modesta famiglia umile ed operaia, secondogenito di tre figli maschi nati dall’unione di papà Antonio, operaio edile, e mamma Rosa, casalinga. A dieci anni a scuola scrive la sua prima poesia, scelta come una delle migliori per la classica recita scolastica di fine anno. Quindi in questi tempi preadolescenziali, attraverso scritti di poche parole e/o piccole poesie, tra quei versi lasciava intravedere tutta la passione coltivata poi col passar degli anni.
Quella tenera e giovane età, non gli ha mai impedito di proseguire il cammino poetico intrapreso, anche se ad un certo punto messo da parte per ragioni sconosciute ma intuibili per l’irrequietezza dell’età, ripreso finalmente verso i sedici anni.
In quel periodo conosce la fidanzata, attuale moglie, che accende in lui il fuoco della passione poetica. Quindi mai disdegnava di dedicare a lei versi d’amore e poesie per ogni occasione, diventando giorno dopo giorno, sempre più musa ispiratrice.
Gli anni passano e la passione cresce sempre più, forse per l’età che avanza, forse per la stabilità dell’amore che proseguendo gli dà una maggiore sicurezza, forse per la nascita di un figlio che aggiunge notevoli sfumature alla sua vita. In seguito affermerà:

“La poesia è un richiamo della coscienza ed un’esigenza per l’anima/ ascolto sempre il cuore per raccontare tutte le mie emozioni/ non cerco mai l’ispirazione perché è sempre lei che viene a cercarmi/ tutto ciò che mi crea emozioni diventa subito poesia.”

Molto sensibile alla vita che lo circonda, si definisce semplicemente “il poeta della porta accanto” e si sente a suo agio nei panni del “poeta in casa sua” perché la sua famiglia ne esalta qualsiasi operato.
Il 2017 resta per lui l’anno del lancio nel mondo poetico, per una pura casualità; nel partecipare ad un evento locale in memoria ed onore del compianto amico poeta Ciro Borrelli, in arte Massenzio Caravita, organizzato dal figlio Alessandro, suo stimatissimo amico, fu invitato a declamare una poesia del padre. A conclusione dell’evento, venne posto all’attenzione della presentatrice, la poetessa Carmen Percontra, che, ammirata dalla declamazione e dalla sicurezza mostrata, lo invita a partecipare con una propria poesia nei giorni a seguire, al Salotto Culturale Donizetti. Accettando l’invito, a cui ne seguirono altri, si rafforza quindi il cammino poetico che ad oggi porta avanti nelle già numerosissime partecipazioni a vari concorsi letterari con attestati di stima e premi vari per le tematiche trattate sia in lingua che in vernacolo.
 

NA SERA COMM’ A LL’ATE

Stevo assettato a ttavula parlanno

cu mugliéreme, na sera comm’ a ll’ate

se discuteva comm’ a ssempe, d’ ‘a ghiurnata

‘e comma s’era svolta, a essa e a mme.

’Ntramento ca se stève arraggiunanno

pure ‘a televisione ca io aggio appicciato

justo pe ccumpagnia a ‘stu mumento

ca oramaje n’abbitudine è addeventata.

Stève p’accummincià ‘o teleggiornale

e ssubbeto sento ‘e dì’; “Cagna canale!”

Mugliérema ca me dice; “E ppe favore !

sule ‘uaje ce ne contano a cchest’ora.

Stèvo pe ppiglià ‘o telecomando mentre ‘a storia ‘e na guagliona sta cuntanno

“È stata accisa d’ ‘o marito,” Sta dicenno

pecchè pe isso cchiú nun ce pruvava ammore.

Io si ce penzo me se gela ‘o core

tenèva pure ‘e figlie sta guagliona

Che male ha fatto a mmeretà sta fine atroce?

Oggi Ylenia, ajere Gloria e ppo’ Rosaria.

E cchi s’ ‘a scorda a chella povera Melania?

È Jessica!? Jessica cu ll’acido sfriggiata?

Noemi, Sara, Fabiana e po’ Stefania

‘a lista è longa ‘e cchesti femmene sparate.

Chisà quanti atì ffemmene stanno murenno ancora

mentre stasera io sto’ screvenno sti pparole

Che bbrutto destino ca ll’è tuccato a lloro

sulo pe ccolpa e nu bastardo senza core.

Quanta atì ffemmene ancora hanna ‘a murì?.

“Ve prego fermate chistu femminicidio!.”

Domenico Giordano

34 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti